Immaginare la democrazia del futuro

Laboratorio del futuro
Immaginare la democrazia del futuro
Giacomo Marramao
in dialogo con Virginia Zanetti
Appuntamento online: 30 luglio 2020, ore 17:30

al link: https://laboratoriodelfuturo.it/streaming

Avviati giovedì 23 luglio con un dibattito sulla demografia, il Laboratorio del futuro prosegue ora i suoi appuntamenti con incontri online ogni giovedì sempre alla stessa ora.

Il 30 luglio, alle 17,30, è la volta di un dialogo tra il filosofo Giacomo Marramao e l’artista Virginia Zanetti.
Marramao, filosofo teoretico che partendo dallo studio del marxismo ha ripetutamente affrontato l’analisi dei sistemi di potere, toccherà uno dei temi chiave della ricerca del Laboratorio: la democrazia.
Le domande poste al filosofo vanno diritte a comprendere la validità del sistema democratico nel mondo attuale, sia in relazione ai sistemi digitali, che pur partendo da basi democratiche rischiano di favorire un populismo demagogico e videocratico, sia rispetto alla complessità delle problematiche contemporanee, in cui una partecipazione larga ma non preparata può non essere in grado di dare risposte a domande sempre più complesse e specialistiche.
Pur riconoscendo i limiti del sistema democratico attuale, la posizione di Marramao va verso una democrazia “più” partecipata, proprio perché uno dei problemi principali sta nel fatto che le decisioni sono ristrette ad una élite. Ma nel corso del dialogo verranno analizzati diversi aspetti, anche controversi, consentendo al pubblico di affrontare in modo ampio e approfondito il problema della democrazia nel prossimo futuro in tante delle sue possibili sfaccettature.
Come di norma negli incontri del Laboratorio, una larga parte del tempo viene lasciata agli interventi del pubblico, che potrà seguire il dibattito su Facebook e prenotarsi per intervenire in diretta sulla piattaforma streamyard.com.

Giacomo Marramao, filosofo, si è formato nelle università di Firenze e di Francoforte. Visiting professor in prestigiose università europee, americane e asiatiche, è attualmente Professore emerito di Filosofia teoretica all’Università di Roma Tre, membro del Collège International de Philosophie di Parigi e Direttore scientifico della Fondazione Basso.
Nel 2005 la Presidenza della Repubblica Francese gli ha conferito l’onorificenza delle “Palmes Académiques” e l’Università di Bucarest il titolo di professor honoris causa. Nel 2009 ha ricevuto il Premio Internazionale di Filosofia “Karl-Otto Apel”. Nel 2013 l’Universidad Nacionál di Córdoba gli ha conferito il titolo di doctor honoris causa in Filosofia e Linguistica. Tra le sue opere, tradotte in diverse lingue: Potere e secolarizzazione (Bollati Boringhieri), Dopo il Leviatano (Bollati Boringhieri), Cielo e terra (Laterza), Passaggio a Occidente. Filosofia e globalizzazione (Bollati Boringhieri), La passione del presente (Bollati Boringhieri), Per un nuovo Rinascimento (Castelvecchi), Minima temporalia. Tempo, spazio, esperienza (Il Saggiatore, nuova ed. Sossella), Contro il potere. Filosofia e scrittura (Bompiani), L’esperimento del mondo (Bollati Boringhieri), Sulla sindrome populista (Castelvecchi), Kairós. Apologia del tempo debito (Bollati Boringhieri, nuova ed.in uscita a ottobre 2020).

Virginia Zanetti, artista visiva e docente, vive a Prato. Dopo una laurea in pittura con lode all’Accademia di Belle Arti di Firenze, si è specializza in didattica dell’arte.
Lavora sia in luoghi non convenzionali sia in istituzioni d’arte italiane e estere, portando avanti una ricerca “relazionale” e performativa in cui i fattori estetici sono determinati dalle situazioni e dai rapporti interumani. Ha ottenuto il premio Movin Up del MIBACT (2015) il primo premio nella Biennale dei Giovani Artisti di Monza (2015), il concorso per la realizzazione di un’opera permanente a Palazzo di Giustizia di Firenze (2017) e il Primo Premio Maccaferri per la fotografia ad ArteFiera (2019). Il suo lavoro ed i suoi testi sono presenti in pubblicazioni come A Cielo Aperto e Breve storia della curatela di H.U.Obrist, postmediabooks, Milano. È cofondatrice di Estuario project space di Prato e del Laboratorio del futuro.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0 0 vote
Article Rating